La settima edizione di Manifesta

9 04 2008

 

 
 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

 

 

 

Manifesta è una biennale di Arte contemporanea europea, che cambia sede ogni due anni. La settima edizione di Manifesta coinvolgerà nel 2008 numerose località che si trovano sull’asse Nord-Sud che unisce il Tirolo austriaco all’Italia del Nord attraverso i territori dell’Alto Adige e Trentino. Per la prima volta l’edizione 2008 coinvolgerà un’intera regione al posto di un’intera città. Dopo le edizioni che si sono tenute a Rotterdam (1996), in Lussemburgo, (1998), a Lubiana (2000), Francoforte (2002), e l’ultima a San Sebastian (2004) e Nicosia (2006 – cancellata ), sarà la volta delle province Autonome di Bolzano-Alto Adige e di Trento – che costituiscono la Regione Trentino Alto Adige.

 

in allegato: comunicati stampa

 

ulteriori informazioni e immagini ad alta risoluzione al sito 

http://www.provincia.bz.it/manifesta

 

Ufficio stampa > artlink

>>

 

COS’È MANIFESTA?

Manifesta è un evento internazionale e sperimentale di arte contemporanea, che ha luogo ogni due anni in una località in Europa, che varia di edizione in edizione. Accanto a “documenta” a Kassel e a “La Biennale di Arti Visive” di Venezia, Manifesta alla sua settima edizione si può ritenere uno degli appuntamenti artistici di maggior prestigio.

 

Le edizione passate: 1996 Rotterdam, 1998 Lussemburgo, 2000 Ljubliana, 2002 Francoforte, 2004 San Sebastian, 2006 Nikosia.

 

 

LA DESIGNAZIONE DI ALTO ADIGE E TRENTINO

Entrambe le Province autonome nel 2005 si sono proposte tra i candidati che avrebbero potuto ospitare Manifesta 7. La Fondazione Internazionale di Manifesta (IFM), che ha sede ad Amsterdam, ha deciso tra molte altre candidature per la designazione delle due province.

 

In occasione della settima edizione di Manifesta Alto Adige e Trentino intendono organizzare un corollario di eventi di arte e cultura contemporanea, di cui il programma espositivo di cento giorni che si terrà nel 2008 sarà l’evento di punta.

 

Con questa scelta per la prima volta la Fondazione Internazionale di Manifesta non opta per dei centri urbani, ma per un’area che occupa una intera regione e che prevede la possibilità di operare presso località differenti. I luoghi prescelti ad ospitare Manifesta sono ancora da definire. Da parte dell’Alto Adige sono state fatte delle ipotesi su località come il forte di Fortezza, l’ex-Alumix e le Officine Fs a Bolzano.

 

 

I PROSSIMI PASSI

Per tutta la fase organizzativa che precede Manifesta 7 sarà costituito un comitato organizzatore che vede tra le sue componenti e i suoi componenti rappresentanti di entrambe le Province autonome e IFM.

Questo comitato dirigerà Manifesta 7 nella sua interezza fino alla sua conclusione. Il comitato e i suoi membri saranno operativi già a partire dal 2007 e agiranno con autonomia secondo proprie logiche di azione.

 

Il comitato, grazie al suo team manageriale, preparerà la settima edizione di Manifesta. I contenuti artistici e le artiste e gli artisti stessi saranno però scelti da una apposita curatrice o un apposito curatore che verrà incaricato a questo proposito.

 

 

PERCHÉ LA SFIDA DEL CONTEMPORANEO?

Misurarsi con la cultura contemporanea, con le espressioni artistiche del nostro tempo è importante per lo sviluppo futuro della nostra società, per avere nuove prospettive e punti di vista e per avere strumenti di indagine sull’esistente.

 

In questo caso giovani artiste e giovani artisti, provenienti da molti paesi, avranno la possibilità di sperimentare la contemporaneità con nuove idee e forme.

Sarà compito delle Province attivare un dialogo costruttivo ed extraterritoriale tra la gioventù artistica e il pubblico e fare crescere un forum di discussione sull’arte del presente.

 

 

PERCHÉ L’ALTO ADIGE SI È CANDIDATO?

L’Alto Adige si è attivato molto fino ad oggi nel campo della storia della cultura, della conservazione dei beni culturali e della identità popolare: con Manifesta 7 si tenta di porre l’attenzione nei confronti del contemporaneo, così che si possa sollecitare l’interesse ed avere anche un ritorno verso lo stesso contemporaneo.

 

Manifesta è un grande evento di rilievo internazionale, che riesce a cogliere l’interesse di un pubblico nazionale ed internazionale.

 

Manifesta 7 stimolerà l’attenzione dell’opinione pubblica anche nei confronti del nuovo edificio che ospiterà Museion, Museo d’arte Moderna e Contemporanea di Bolzano, che inaugurerà proprio nello stesso anno, nel 2008: grazie a questa contemporaneità di eventi l’apertura del nuovo Museion godrà di una attenzione internazionale.

 

Manifesta attiva anche nuovi target di potenziali interessate ed interessati ad una cultura ed un turismo di qualità. E l’Alto Adige in questo senso potrà mostrare una nuova faccia.

Una offerta culturale ed artistica interessante fa crescere automaticamente l’attrazione del luogo stesso che la ospita.

 

Il nostro territorio sarà presentato in questo ambito come un esempio positivo, dove la convivenza tra le diversità culturali, linguistiche storiche e politiche è riuscita in una dimensione di rispetto reciproco. L’Alto Adige è caratterizzato da 3 lingue – tedesco, italiano, ladino – ciascuna portatrice della propria identità culturale e può essere portato come un caso dove lo scambio tra culture differenti e molteplici identità è possibile da realizzarsi.

Gestire con successo le differenze culturali in un’area ristretta può essere un modello da seguire, anche in una idea allargata che potrebbe corrispondere al futuro dell’EU.

 

 

PERCHÉ L’ALTO ADIGE SI RITIENE ADATTO?

L’Alto Adige e il Trentino sono entrambe province dotate di buone infrastrutture, necessarie per la realizzazione di manifestazioni di questa grandezza.

 

L’Alto Adige e il Trentino sono da sempre paesi in cui transitano e si contaminano le tendenze e gli sviluppi culturali che avvengono nella cultura sud-europea così come in quella nord-europea. Questo ponte tra nord e sud e l’asse di transito che la caratterizzano fanno della nostra regione un’area interessante per realizzare un evento come Manifesta.

 

La nostra area dispone di risorse e contatti numerosi in relazione a tutta la cultura mitteleuropea, e inoltre esistono anche interessanti collegamenti con le aree di confine tra Italia, Austria, Germania e Svizzera.

 

L’Alto Adige e il Trentino hanno risorse paesaggistiche uniche, che possono bene sposarsi con l’interesse per l’arte in genere.

 

>>

 

Manifesta 7

nel 2008 avrà luogo

in

 

TRENTINO – ALTO ADIGE

Italia

__________________________________________________________________________

 

Manifesta è una biennale di Arte contemporanea europea, che cambia sede ogni due anni. La settima edizione di Manifesta coinvolgerà nel 2008 numerose località che si trovano sull’asse Nord-Sud che unisce il Tirolo austriaco all’Italia del Nord attraverso i territori dell’Alto Adige e Trentino. Per la prima volta l’edizione 2008 coinvolgerà un’intera regione al posto di un’intera città. Dopo le edizioni che si sono tenute a Rotterdam (1996), in Lussemburgo, (1998), a Lubiana (2000), Francoforte (2002), e l’ultima a San Sebastian (2004) e Nicosia (2006 – cancellata ), sarà la volta delle province Autonome di Bolzano-Alto Adige e di Trento – che costituiscono la Regione Trentino Alto Adige.

 

Le due province autonome sono state designate dalla Fondazione Internazionale Manifesta (IFM) quale sede per la prossima edizione in ragione del loro patrimonio industriale e culturale: una scelta che pone le basi per formulare nuove strategie di intervento nell’ambito della prossima edizione di Manifesta.

 

Mantenendo la sua tradizionale vocazione per l’innovazione, Manifesta si è evoluta dall’originaria formula puramente concentrata su azioni rappresentative che ha caratterizzato in varie forme le prime cinque edizioni della biennale verso un formato più riflessivo. Esemplare è stata la scelta, ad esempio, di volere attivare una scuola di sperimentazione, proposta da Manifesta 6, e dall’ampliamento delle possibilità di approccio all’evento in base alle svariate tematiche trattate, che vanno dalla didattica alla produzione artistica, all’utilizzo degli spazi pubblici

 

Nel 2008 un lungo percorso formato da numerosi luoghi che verranno selezionati dal direttore artistico sarà il nucleo di Manifesta 7: un progetto della durata di 100 giorni, che coinvolgerà un’area di 100 miglia quadrate. Accanto ai singoli siti, l’area nella sua interezza assumerà nuovi significati, fungendo da catalizzatore di un’indagine volta a sottolineare la prolifica interrelazione tra tematiche di diversità culturale e nuove modalità di approccio a loro.

 

Sin dall’epoca dei Romani l’asse viario Brennero – Trento – Rovereto ha funto da via di scambio commerciale, utilizzata come prolungamento della via della seta che congiungeva l’Asia al Mediterraneo, e metteva in comunicazione l’Europa del Nord con quelle del Sud. Esso può essere considerata come arteria principale di transito e allo stesso tempo come zona di confine, continuamente a contatto con lingue e culture differenti, e prolificamente contaminata dal continuo fluire di nuove idee ed istanze provenienti da entrambe le parti del confine. Quest’area è stata e continua tutt’ora ad essere la via di transito più popolare d’Europa, snodandosi dal continente europeo ai Balcani e al Mediterraneo orientale.

 

Sin da principio Manifesta non è stata concepita come una normale esposizione a cadenza biennale. Manifesta è stata concepita invece per fornire una struttura molto flessibile ed aperta, con il fine preciso di dare vita ad un significativo e duraturo confronto di idee e di creare interrelazioni tra artisti e pubblico europeo e internazionale. Dopo aver dato vita di recente ad un’edizione nella profonda periferia d’Europa, Manifesta torna nel vecchio continente.

Situato nel cuore d’Europa, il Trentino Alto Adige costituisce un’area di raccordo tra Nord e Sud molto importante dal punto di vista sociale, economico e culturale, che si estende da Nord dal forte di Fortezza a Sud fino a Rovereto, centro artistico e culturale di grande rilievo. Per la struttura politica europea la caratteristica peculiare della regione è, inoltre, lo statuto speciale di cui godono dal 1948 le due province.

Il conferimento dell’Autonomia speciale del 1948 non è da intendersi come strumento che isola il Trentino Alto Adige dal contesto europeo: dal punto di vista culturale, infatti, la regione può essere definita come “una piccola Europa nell’Europa”. Di recente entrambe le province hanno accresciuto le loro credenziali europee rafforzando la loro vocazione europea con investimenti in progetti di respiro internazionale come la Libera Università di Bolzano e la costruzione di una nuova sede per il Museo di Arte Moderna e Contemporanea (MART) a Rovereto.

 

Grazie alla sua fitta rete di network urbani e culturali, Manifesta 7 aprirà il territorio a nuove possibilità di investigare, sviluppare e riflettere su aspetti innovativi dell’arte contemporanea nel contesto europeo.

Manifesta aspira a confrontarsi con il pubblico locale, nazionale e internazionale attraverso nuove forme di espressione artistica e proposte per confrontarsi con le tematiche dell’arte negli spazi pubblici.

 

La Fondazione Internazionale Manifesta, che ha sede permanente ad Amsterdam, organizzerà congiuntamente ai due enti territoriali la prossima edizione della Biennale Manifesta. A questo fine la Fondazione Manifesta e la regione Trentino-Alto Adige uniranno le proprie energie e il proprio know-how. Il team artistico, che sarà responsabile del contenuto di Manifesta 7, sarà selezionato entro gennaio 2007.

 

 

Per ulteriori informazioni:

 

Manifesta Foundation

Laurierstraat 185

NL – 1016 PL Amsterdam

T  +31 (0) 20 6721435 

F  +31 (0) 20 4700073

E  secretariat@manifesta.org

www.manifesta.org

 

 

 


Actions

Information

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s




%d bloggers like this: